Green supply chain

Green supply chain

La maggiore sensibilizzazione della popolazione nei confronti dell’ambiente ha portato ad una responsabilizzazione delle aziende nei confronti di queste tematiche imposte negli scorsi anni anche dalla Unione Europea. Si è sviluppato cosi negli anni ’90 il concetto di ‘green supply chain’.

Cos’è la green supply chain

Il termine deriva dalla unione di due concetti e cioè la supply chain e il green management. Mentre il termine supply chain lo abbiamo già approfondito in altri articoli il secondo potrebbe essere relativamente nuovo: si tratta delle strategie di gestione degli impatti ambientale e sociali che porrebbe avere un impresa in un determinato territorio.

Un punto di vista diverso

L’unione di questi due importanti aspetti della logistica ha prodotto un atteggiamento diverso da parte delle aziende ed un approccio alle questioni ambientali del tutto nuovo, l’approccio gestionale è cambiato cercando di creare dei prodotti con minore impatto ambientale possibile. Il punto di vista si è pertanto spostato, infatti l’attenzione non è più verso l’azienda in se e sulla sua produzione ma a tutto quel sistema di relazioni e di player che concorrono alla creazione di valore e alla minimizzazione degli impatti ambientali.

Cosa possono fare le aziende?

Le aziende non devono più solo limitarsi a gestire il proprio rapporto con l’ambiente e a controllare l’impatto generato dalle proprie produzioni ma devono focalizzare la loro attenzione sui processi che vengono svolti all’interno della catena produttiva (supply chain) perché è all’interno di questo processo che vengono prodotti la maggior parte delle scorie. Con l’introduzione di ‘modelli gestionali allargati’ si potrebbero ridurre gli impatti generati da queste fasi coinvolgendo tutti le parti della catena produttiva minimizzando cosi i costi, inefficienze e i rischi.

Obiettivi

L’ottimizzazione della supply chain è già di per sé uno degli obiettivi più importanti per una azienda poiché porta ad una diminuzione dei costi ed un miglioramento della qualità produttiva attraverso una riduzione delle tempistiche necessarie. Si evitano cosi duplicazioni lavorative, inefficienze e creazioni di esternalità in alcune aree come il settore acquisti o logistica.

Ottimizzare questo processo in senso anche ambientale è la sfida che molte aziende attualmente si pongono, spinte anche dalla convenienza e opportunità commerciali e gestionali che hanno rilevanza anche dal punto di vista economico: attualmente c’è una maggiore richiesta di prodotti ‘green’ e sostenibili e nei media c’è una grande attenzione alle cause ambientali che può generare una reputazione ed un impatto molto positivo nella società che a sua volta genera valore aggiunto.

Applicare la green supply chain implica quindi l’adozione di strategie come la riduzione di rischi ambientali, l’aumento dell’efficienza produttiva e l’innovazione green di processi e prodotti.

Contatti